Il contesto energetico

Le risorse energetiche presenti in Lombardia si suddividono  in due categorie: risorse interne e risorse importate. Le risorse interne sono costituite da una piccola quantità di fonti fossili ricavate dal sottosuolo (gas naturale) e dalle fonti energetiche rinnovabili (FER) prodotte in Lombardia (rifiuti, biomasse, biogas, bioliquidi, geotermia, solare termico, idroelettrico e solare fotovoltaico). Le risorse importate sono costituite da tutti i vettori energetici che entrano in Lombardia (gas naturale,  prodotti petroliferi, carbone e altri combustibili fossili, biomasse, bioliquidi).


Nel 2013 complessivamente le risorse interne ammontano a  circa 3,1 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (tep), di cui le FER coprono l’86%, mentre le risorse energetiche di importazione ammontano a 24,7 milioni di tep, inclusa l’energia elettrica importata. Il peso delle risorse importate è decisamente più importante delle risorse interne: percentualmente le risorse interne coprono l’11,3% delle risorse energetiche complessive.
In Lombardia, attraverso le trasformazioni energetiche compiute dal parco centrali termoelettriche (in massima parte alimentate da gas naturale, ma sono incluse anche trasformazioni da fonti primarie FER), sono stati prodotti circa 2,5 milioni di tep di energia elettrica. Questa produzione di elettricità, sommata alla quantità di energia elettrica derivata da idroelettrico e fotovoltaico pari a 1,1 milioni di tep, raggiunge circa i 3,6 milioni di tep. A  questa si aggiunge l'energia elettrica proveniente dall'estero pari a circa 2,4 milioni di tep.
A valle delle trasformazioni e delle perdite di rete si trovano i consumi finali di energia suddivisi per i diversi settori d’uso: civile (consumi nel residenziale e nel terziario), industria, trasporti, agricoltura.  Si registra una sostanziale stabilità nel decennio e i consumi del 2013 risultano su valori poco superiori a quelli del 2000. Ogni abitante lombardo consuma mediamente 2,45 tep a testa. I consumi finali si sono attestati nel 2013 a 24,4 milioni di tep.

Le risorse energetiche e i relativi utilizzi negli usi finali per l’anno 2013 sono illustrate nel seguente schema di bilancioPartendo dall’alto, sono indicate le fonti energetiche interne e di importazione (suddivise tra fonti fossili e fonti rinnovabili), che insieme costituiscono le risorse energetiche totali. La sezione centrale dello schema illustra i flussi di energia in entrata e in uscita dalle trasformazioni). Una parte delle risorse energetiche totali è destinata alla trasformazione in energia elettrica (impianti di generazione elettrica e cogenerazione) e termica centralizzata a servizio del teleriscaldamento. La restante parte sotto forma di energia elettrica e energia primaria, sommata all’energia prodotta dalle trasformazioni, va direttamente agli utilizzatori finali. Infine nella sezione finale dello schema, sono rappresentati le perdite energetiche e gli usi energetici finali per macrosettore. . Cliccando sul menu a tendina è possibile visualizzare i dati del sistema energetico della Lombardia a partire dal 2000.


Schema annuale semplificato del Bilancio Energetico Regionale (Aggiornamento 2013)
(Infrastrutture Lombarde, SIRENA20 - Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente)

Consumi pro capite di gas naturale nel 2010 a scala comunale
(Infrastrutture Lombarde, Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente)

Per indicazioni di maggior dettaglio sono consultabili gli schemi di bilancio e la relativa nota metodologica, nella sezione SIRENA20.